Jagić, Vatroslav

Autore della prima storia della filologia slava (Istorija slavjanskoj filologii, Petrograd 1910), e di numerosissimi saggi e articoli che affrontano le più differenti tematiche nell'ambito della vita culturale degli slavi, il croato Vatroslav Jagic (1838-1923) è stato uno dei padri fondatori della slavistica e il suo massimo rappresentante fra il XIX e il XX secolo. Studiò filologia classica e filologia slava a Vienna con F. Miklosich, a Berlino e a San Pietroburgo. Insegnò a Zagabria ( 1860- 1870), Odessa (1872-1874), Berlino (1874-1880), dove occupò la prima cattedra di slavistica, San Pietroburgo (1880-1886) e infine a Vienna, succedendo al maestro, fino al 1909. A zagabria fu fra i fondatori della rivista Knijževnik ("Il Letterato") e dell'Accademia jugoslava di Zagabria; a Berlino fondò la rivista Archiv für Slavische Philologie (1875), che diresse fino al 1920. Fra le sue opere più significative si annoverano gli studi sul paleoslavo e le sue redazioni, in particolare la Storia delle origini dello slavo ecclesiastico (1913).

Bibliografia

Bibliografia: G. Maver, Jagić, Vatroslav, in Enciclopedia Italiana di Scienze, Lettere ed Arti, Roma 1929-37, s.v.; M. N. Dedaic, Vatroslav Jagic: Linguistic Bibliography, in K. Brown (a cura di), Encyclopedia of Language and Linguistics, Oxford 20052, s.v.